Evento passato, cerca tra i contenuti simili gli eventi non ancora scaduti

La Villa Borghese Di Giacomo Balla

in Eventi

Il Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese, situato nel cuore del grande parco romano di Villa Borghese, è il luogo ideale per accogliere questa mostra antologica di Giacomo Balla.

Dopo il matrimonio con Elisa Marcucci, Giacomo Balla si trasferisce, nell’estate del 1904, in un antico monastero in via Parioli 6, l’attuale via Paisiello, all’angolo di via Nicolò Porpora. Nelle stanze-cella di questo angolo felice di natura, ritagliato ai margini periferici della città e molto diverso dall’odierno quartiere Parioli, il pittore stabilisce la sua casa e dipinge ciò che vede dal balcone del suo studio o subito al di fuori della porta dell’abitazione. Fino al 1910, anno in cui realizza il grande polittico Villa Borghese, il tema della natura ai confini della città diventa per Balla ciò che è per Paul Cézanne la “Montagne Sainte-Victoire”: materia da indagare, da provare e riprovare, da scarnire fino all’astrazione. Si tratta di uno dei primi temi sperimentali affrontati dal pittore, presentato in questa occasione attraverso una trentina di lavori riuniti organicamente, proprio come saranno, all’epoca eroica del Futurismo, i temi della Rondine, vista dallo stesso balcone, l’Automobile in corsa, la Velocità astratta, le Linee forza di paesaggio, le Trasformazioni forme spirito, il Mercurio che passa davanti al sole, e così via. Nelle sale al primo piano del Museo, un suggestivo ampliamento della mostra attualizza lo “sguardo fotografico” di Balla attraverso una serie di scatti del fotografo Mario Ceppi realizzati negli stessi luoghi dei dipinti in mostra. Giacomo Balla si trasferisce a Roma con la madre Lucia Giannotti nel 1895, allontanandosi dalla sua città natale, Torino. Per il primo anno è ospite dello zio paterno Gaspare Marchionne Balla, residente al Quirinale in quanto Guardiacaccia di Sua Maestà il Re. Quando poi si trasferisce in via Piemonte 119, entra in contatto con Alessandro Marcucci, Duilio Cambellotti e Serafino Macchiati. Conosce così Elisa Marcucci, sua futura moglie, che sposa in Campidoglio nel 1904.
I coniugi Balla vivono nel quartiere Parioli, in un convento situato tra via Parioli (oggi via Paisiello) e via Nicolò Porpora. All’interno del fabbricato di proprietà dei Sebastiani, grazie all’interessamento del sindaco Nathan, la famiglia Balla dispone di un appartamento con un lungo balcone che dà direttamente sugli spazi verdi di Villa Borghese. È da questo balcone che sono state realizzate molte delle opere in mostra come Maggio, che ritrae la moglie appoggiata alla ringhiera, ma anche Bambina che corre sul balcone, conservata al Museo del Novecento a Milano, che raffigura sua figlia in movimento. Balla era solito passeggiare per Villa Borghese, scoprire luoghi nascosti e scorci che ritornano nelle diverse opere, come quello su San Pietro, elemento che si ritrova, ad esempio, in Villa Borghese al balcone. Lavoro in cui è evidente “la configurazione naturalistica”, contrapposta a Germogli primaverili che, secondo la curatrice, “le sciabolate di giallo, viola, e verde rendono un’opera in un certo senso un astratta”. In mostra sono presenti sei scatti realizzati da Mario Ceppi che hanno “lo stesso taglio fotografico delle opere realizzate da Giacomo Balla”, spiega la Gigli. “Siamo andati in giro per Villa Borghese per ritrovare le stesse costruzioni, gli stessi momenti, gli stessi alberi che l’artista ha ritratto, come quando un mese fa al Museo Pietro Canonica abbiamo riconosciuto lo stesso albero presente nei pastelli esposti”. “Quando Balla arriva a Roma, cerca di inserirsi nella società romana anche attraverso i ritratti”, prosegue la curatrice, “ritrae la dama di compagnia della regina, il sindaco Nathan gli commissiona il suo ritratto per il Gabinetto, quindi riesce a entrare in un circolo di committenze importanti che gli commissiona ritratti. Anche nei ritratti troviamo comunque la sua novità, la sua luce, il suo movimento, la sua introspezione psicologica, che studia prima su stesso realizzando questi bellissimi autoritratti, come quello presente in mostra del 1895, fino all’ultimo che farà nel 1953”. Nell’Autoritratto notturno la luce colpisce, quasi abbagliando, solo un lato del viso, mettendo così in risalto l’occhio chiaro.
Sono presenti perlopiù opere su carta, ottenute con i pastelli a cera, che Balla era solito “graffiare con il retro del pennello o con il temperino”, spiega la Gigli. “Se si osserva ‘Fontana a Villa Borghese’ si possono vedere dei graffi nel punto in cui cade l’acqua, creati togliendo il pastello in eccesso, per tirare fuori la luce”.

Informazioni

www.romafelix.it

amici@romafelix.it

3498533464

Dove

in strada, Viale Fiorello La Guardia,6, Roma, Rm, Italia