Evento passato, cerca tra i contenuti simili gli eventi non ancora scaduti

Paolo Garau - Fragment

in Eventi

Sabato 4 maggio 2019 alle ore 18.00, presso il Castello di Ladislao di Arpino, sede della Fondazione Umberto Mastroianni, apre al pubblico Fragment, un percorso espositivo che raccoglie le opere di Paolo Garau, a cura di Roberta Melasecca.

Sabato 4 maggio 2019 alle ore 18.00, presso il Castello di Ladislao di Arpino, sede della Fondazione Umberto Mastroianni che accoglie la più ricca e rappresentativa eredità di uno dei più eclettici e geniali scultori del ‘900 e la memoria di un’intera famiglia di artisti, i Mastroianni, apre al pubblico Fragment, un percorso espositivo che raccoglie le opere di Paolo Garau.

La mostra, curata da Roberta Melasecca, aperta fino al 30 giugno, è parte di un progetto ampio, che si articola intorno ad una riflessione sulla scultura e il disegno. Si sviluppa in due differenti momenti che tuttavia partecipano dello stesso animo e spirito: il primo si focalizza sulla scultura ed è stato progettato per gli spazi della Fondazione in stretto dialogo con le opere della collezione permanente; il secondo si concentra su di un confronto tra disegno e scultura e sarà presentato presso gli ambienti di 28 Piazza di Pietra Fine Art Gallery di Roma nel prossimo mese di settembre.

Ad accogliere il visitatore, nel cortile interno, una scultura di grandi dimensioni che innesca il confronto con la monumentalità di Umberto Mastroianni, mentre, nelle sale, diciotto sculture, realizzate in resina acrilica e foglia oro, rimandano per contrasti e sottili sintonie visive alle opere della collezione permanente.

Un unico catalogo, con i testi critici di Loredana Rea direttore della Fondazione Umberto Mastroianni, Cesare Biasini critico d’arte, curatore e saggista e direttore editoriale di Exibart, Annalisa Ferraro critica d’arte e curatrice, riassumerà, a fine progetto, entrambe le fasi a rappresentare i volti e frammenti della stessa ricerca artistica.

“La ricerca artistica di Paolo Garau muove da una conoscenza approfondita della realtà, ma non è visione naturalistica dell’arte classica; procede con la scomposizione degli oggetti ma non è molteplicità di visione del cubismo; deforma la figura ma non è tragica condizione esistenziale dell’espressionismo. Rompe invece la complessità, introducendo la semplicità e innescando un processo di elaborazione interiore. Il bianco frammento non svela l’arcano mondo intimo delle cose, ma lo interiorizza e lo implode in se stesso, al fine di attivare gli inconsci meccanismi di immaginazione. Fragilità, evanescenti travagli, metafisiche memorie rimangono catturati sul levigato piano, anch’esso niveo o ricoperto da una dorata patina. I volti sono essere anonimi, non riconoscibili nelle precise fattezze, a volte coincidenti con essenze di pezzi anatomici. Lasciano il corpo oltre se stessi e si tramutano in spicchi di realtà possibili e probabili. Si vestono di lontane reminiscenze e si ritrovano trasformati in solidi di rivoluzione dai contorni sinuosi e morbidi. Contengono ogni umano sentire e sperano un semplice e immediato contatto che possa trasferire visioni e immagini. Attendono di essere liberati e acquisire rinnovate identità. L’artista, intervenendo sul cemento, sul gesso con la resina, compie l’operazione del sottrarre e aggiungere: togliere materia, inglobare energia e non-materia secondo una funzione esponenziale, e, dentro, trovare un numero infinito di futuri possibili, fluttuare lungo molteplici orizzonti di eventi, coesistere in diverse dimensioni, arrivare all’attimo prima della singolarità dove spazio e tempo finiscono.” (dal testo critico di Roberta Melasecca)

Paolo Garau nasce nel 1975 a Roma dove vive e lavora. Nel 1998 si diploma all’Accademia di Belle Arti di Roma sezione scultura e nel 1999 frequenta il Corso TAM di scultura di Pietrarubbia (PU), presieduto da Arnaldo Pomodoro. Nel 2001 partecipa al Progetto Leonardo a Berlino. Si dedica principalmente alla scultura: la sua ricerca artistica è incentrata sulla sperimentazione di nuove composizioni formali, spesso partendo da elementi anatomici di persone con le quali entra in relazione, al fine di produrre calchi delle parti interessate. Dal 2003 è docente di scultura e arte nelle scuole superiori. Si occupa anche di progettazione e realizzazione di elementi scenici e decorativi. Utilizza diversi materiali: ceramica, metalli, resine sintetiche, legno e tessuti. Nel 2008 partecipa alla residenza d’artista presso il Castello di Rivoli con il progetto “Real presence” e nel 2015 partecipa alla residenza Bocs Art di Cosenza, a cura di Alberto Dambruoso.

Informazioni

*INFO

Paolo Garau 

Fragment*

A cura di Roberta Melasecca

Promossa dalla Fondazione Umberto Mastroianni

Con la collaborazione di Interno 14 next

Inaugurazione 4 maggio 2019 ore 18.00
Castello di Ladislao
Piazza Caduti dell’Aria – Arpino (FR)

Fino al 30 giugno 2019
Orari: da martedì a venerdì 9.30-12.30 – sabato 9.30-12.30 / 15.00-18.00 – domenica 15.00-18.00

Fondazione Umberto Mastroianni

telefono: 0776848105

e-mail: info@fondazionemastroianni.it

www.fondazionemastroianni.it

Interno 14 next

Roberta Melasecca


info@interno14next.it

www.interno14next.it

Ufficio stampa

Melasecca PressOffice


tel. 3494945612

info@melaseccapressoffice.it

testi e immagini scaricabili da www.melaseccapressoffice.it

Dove

Fondazione Umberto Mastroianni - Castello Di Ladislao, Largo Caduti Dell'Aria, Arpino, Fr, Italia