Elenco Gallerie

Ischia - isola verde

7326190914 ab9e7283ae c

Dopo quasi tre anni, una vacanza vera ci voleva. Senza nessuno, parente, amico, animale o vegetale, che ti ospita nella sua casa. Partire per andare all’avventura. Partire per conoscere. Partire per rilassarsi. Partire per tornare e cominciare a raccontare.

Era la sera del 2 agosto scorso e dopo alcune ore passate davanti al computer a cercare un’offerta vacanziera e vantaggiosa mi ritrovo su un sito che racchiudeva tutte le offerte per soggiornare ad Ischia.

Il 6 agosto siamo (per me la vacanza ideale è con la persona che si ama…) partiti. Alba, macchina, autostrada, autogrill, bagno, pedaggio, Napoli, tangenziale e infine Pozzuoli.

Consiglio di prendere il traghetto per Ischia da Pozzuoli per non andarsi ad impelagare nel traffico della caotica Napoli…

Il traghetto impiega un’ora per arrivare ad Ischia, fa una piccola sosta a Procida e poi prosegue la sua traversata.

Al porto di Ischia ti vengono offerti i più disparati servizi da nonnetti vestiti di bianco: albergo, taxi, terme, spiaggia etc, etc…

Per arrivare al nostro albergo, abbiamo preso la variante esterna, una strada abbastanza larga che attraversa l’intera isola. Proseguendo per via del Viadotto (una strada che tende a diventare sempre più stretta) si arriva a via di Cartaromana. Una strada a doppio senso, con le macchine parcheggiate come capita da un lato e con una carreggiata che a malapena basta per far passare una macchina…se ne arriva una seconda dal lato opposto per farla passare devi accostarti a qualche cancello o infilarti in qualche stradina privata, oppure in retromarcia tornare indietro. E’ una faticaccia, ma poi capisci che ne vale la pena.

L’Albergo da Maria (il nostro albergo!) si trova nella splendida baia di Cartaromana ed è raggiungibile solo in due modi: via mare da Ischia Ponte con il servizio taxi boat (a pagamento oppure usufruendo della barca dell’albergo) oppure via scale, ovvero scendendo un centinaio di gradini (per la precisione 64 fino all’entrata dell’albergo, cento per arrivare alla spiaggia) un po’ rotti e malandati.

Per giungervi è un po’ faticoso, soprattutto quando si arriva per la prima volta con valige e borse, ma quando arrivi non vuoi più andartene…

Ad agosto, Ischia la sconsigliano in molti per la caotica, assordante, rumorosa moltitudine di gente che affolla spiagge, ristoranti, barche, terme, piscine…ma nella baia di Cartaromana si ascolta solo il rumore del mare.

Noi abbiamo usufruito della mezza pensione ed a persona abbiamo pagato € 75,00 al giorno, bevande escluse. Non è un prezzo basso, ma non potevamo pretendere di meno, visto che siamo partiti nel periodo più caro della stagione (6-12 agosto).

Abbiamo mangiato pesce quasi tutti i giorni, abbiamo fatto bagni lunghissimi al mare e nella piscina termale dell’albergo, abbiamo conosciuto persone meravigliose che gestiscono questo posto in maniera impeccabile…a capo di tutto una gentilissima signora Maria, che ha esaudito tutti i nostri desideri…

Se in futuro decideremo di tornare ad Ischia, probabilmente sceglieremo di andare senza macchina. In fondo i taxi boat sono il mezzo più naturale per spostarsi attorno all’isola.

Nessuno ha tanto bisogno di una vacanza quanto chi ne ha appena avuta una.
— Elbert Hubbard