Le Illustrazioni Di Ello

Nella mostra erano presenti anche dei disegni a china di Raffaello Mattiangeli: 200 illustrazioni del suo Pinocchio, della metà degli anni venti (purtroppo incompleto). Il tentativo di Mattiangeli era quello di riprodurre, con una tecnica più moderna (strisce disegnate) ciò che Collodi aveva fatto qualche decennio prima sul Giornale dei bambini: piccoli episodi da leggere-vedere a puntate.